Venerdì, Aprile 19, 2019

Grande successo per Marco Frezza ed i suoi compagni di vettura Lino e Carlo Curti alla "12 Ore di Spa-Francorchamps" andata in scena sullo spettacolare tracciato delle Ardenne, come sempre uno dei più impegnativi e selettivi circuiti dell'intero panorama internazionale del motorsport. E' stata come tradizione una gara estremamente tirata e ricca di colpi di scena quella belga, caratterizzata da quasi sessanta vetture di diverse classi in pista contemporaneamente sui quasi sette chilometri della pista delle Ardenne. Il fine settimana si è messo subito in salita per un problema tecnico alla vettura, che non ha consentito ai tre piloti di prendere parte alle prove libere, né alle qualifiche. Al semaforo verde Frezza ha davanti un muro di vetture, ma non si da per vinto e risale velocemente numerose posizioni, prima che una bandiera gialla interrompa provvisoriamente la sua rimonta. Alla rimonta contribuiscono anche Lino e Carlo Curti e tutto il team che con una strategia oculata dopo sole due ore di gara porta la 991 al comando della categoria d'appartenenza. Nonostante qualche problema tecnico, la performance della vettura non cala, e per l'equipaggio della vettura numero 73 la bandiera a scacchi sancisce la vittoria prestigiosa sul tracciato belga. Frezza con i due Curti hanno compuiuto ben 225 giri, precedendo nella categoria riservata alle Porsche 991 la vettura dell'equipaggio Gillion-Verdonk-Van Belle-Graberg distanziata di un giro, mentre in terza posizione di classe sono giunti Polette-Lelievre-Gibon-Amrouc con una vettura schierata dal Porsche Lorient Racing. Cona la gara di Spa si conclude la stagione delle gare 12 ore che laurea Frezza e compagni Campioni 2018 con i successi di Navarra, Imola e Spa-Francorchamps, mentre la classifica generale di campionato vede l'equipaggio Ebimotors in terza posizione assoluta.

  • dfdfd

Articoli

Powered by mod LCA
Il pilota

Il pilota milanese nato nel 1987, affronta le prime esperienze agonistiche nel motorsport con il karting, passando poi alle monoposto con la Formula Renault 2.0. Nel 2007 lasca le monoposto per passare alle ruote coperte, gareggiando con una Ferrari 430 GT2 nell'International GT Open, una serie dedicata alle vetture Gran Turismo con un palmares di concorrenti e di vetture provenienti da tutta Europa. Il suo anno magico è il 2010, stagione nella quale conquista il titolo di Campione della Classe GTS dell’International Gt Open con la Ferrari 430 Scuderia del team elvetico Kessel Racing. Seguono altre stagioni entusiasmanti, trascorse sui tracciati più importanti e prestigiosi del Mondo. Marco mostra ad ogni occasione il suo talento cristallino, conquistando importanti successi sempre con la Ferrari, ed entusiasmando gli appassionati con il suo stile spettacolare, ma sempre preciso e redditizio. Nel 2014 gareggia ancora una volta con Kessel Racing con la Ferrari 458 GT3 nella Blancpain Endurance Series ed alla "12 Ore di Abu-Dhabi".